Nello svolgimento dei compiti operativi connessi al contrasto degli illeciti economico-finanziari, utilizziamo i poteri di polizia valutaria a noi attribuiti dalla normativa in materia" (D.P.R. 31 marzo 1988, n. 148, artt. 25 e seguenti), tra i quali rilevano quelli:

riconosciuti ai funzionari dell'Ufficio Italiano dei Cambi nello svolgimento dell'attività ispettiva in materia valutaria e cioè:

  • controlli successivi per campione sui dati e sulle attestazioni fornite dagli operatori delle banche abilitate;
  • verifiche dei dati concernenti la gestione valutaria delle medesime banche e di quelli relativi ad operazioni delle altre imprese autorizzate;
  • ispezioni presso aziende di credito ed istituti di credito speciale, nonché nei confronti di altri soggetti, presso i quali si abbia ragione di ritenere che esista documentazione rilevante, in luoghi diversi dalle dimore private;

a noi attribuiti in materia finanziaria dalla Legge 7 gennaio 1929, numero 4 e dalle Leggi tributarie;

concernenti la possibilità di richiedere l'esibizione di libri contabili, documenti e corrispondenza ed estrarne copia;

attinenti la contestazione delle violazioni di carattere amministrativo riscontrate;

relativi alla possibilità di assumere in atti i soggetti sottoposti ad accertamento.

Falsificazione dei mezzi di pagamento

Esplora tema

Contrasto al finanziamento del terrorismo

Esplora tema

Tutela del risparmio

Esplora tema

Antiriciclaggio

Esplora tema

Il traffico di valuta

Esplora tema

Questa pagina ti è stata utile?