Sezione dedicata alla rendicontazione delle raccolte, a carattere volontario, svolte tra i militari del Corpo – in servizio e in congedo – a favore di popolazioni colpite da gravi calamità e/o da emergenze di carattere sanitario.

Fondi raccolti – su base volontaria – tra gli appartenenti al Corpo, in servizio e in congedo, per essere destinati alle popolazioni colpite da gravi calamità e/o emergenze sanitarie.

Anno

Oggetto

 

2020

Emergenza Covid-19

€ 305.000,00*

2016

Terremoto Centro Italia

€ 147.200,00

2011

Terremoto-tsunami Giappone

€ 52.000,00

2010

Terremoto Haiti

€. 101.500,00

2009

Terremoto Abruzzo

€. 591.664,00

2006

Popolazioni del Sudan

€. 85.800,00

2005

Tsunami Sud-Est Asiatico

€. 457.357,83

2002

Terremoto in Puglia e Molise

€. 249.357,83

1999

Profughi del Kossovo

£. 52.456.416

1998

Alluvione in Campania

£. 62.374.369

1998

Alluvione nelle Ande Peruviane. Operazione "Mato Grosso"

£. 43.200.000

1997

Terremoto in Umbria e nelle Marche

£. 849.500.000

1994

Alluvione in Piemonte

£. 1.004.502.260

* L’iniziativa è stata realizzata in due fasi: dapprima nell’arco temporale compreso tra il 15 aprile e il 31 maggio 2020, quindi dal 1° al dicembre 31 dicembre successivi. Parte della somma raccolta – oltre 171mila euro – sono già confluiti nel progetto #MEFdona (che ha visto coinvolti anche il Ministero dell’Economia e delle Finanze, la Cassa Depositi e Prestiti, l’Agenzia delle Dogane e la CONSIP), per la successiva destinazione al “Fondo per le famiglie degli operatori sanitari che hanno perso la vita nella lotta al Coronavirus – Sempre con voi”. Il restante ammontare sarà devoluto agli appartenenti al Corpo che – a causa della contingente situazione emergenziale – versano in stato di particolare necessità, rispettivamente individuati tra i militari deceduti a causa del Coronavirus, ricoverati in terapia intensiva/sub intensiva e, infine, in reparti di ordinaria degenza.

Questa pagina ti è stata utile?