Tu sei qui: Home Chi siamo Organizzazione Specializzazioni Soccorso Alpino Le Stazioni S.A.G.F. Trentino Alto Adige Passo Rolle Notizie Werner Munter e Manuel Genswein

Passo Rolle

Passo Rolle400x100

 

Werner Munter e Manuel Genswein

Passo Rolle, 10 gennaio 2012 - Presso la Scuola del Soccorso Alpino della Guardia di Finanza, si è tenuto uno stage di aggiornamento rivolto agli operatori del soccorso in montagna

Per chi frequenta la montagna invernale e ha appreso qualche nozione di neve e valanghe, Werner Munter non ha bisogno di presentazioni. All'illustre nivologo svizzero si devono gli insegnamenti e le regole di comportamento adottate dai club alpini e dalle guide di tutta Europa, al fine di prevenire e minimizzare il rischio di incidenti nello scialpinismo e nelle altre attività fuoripista.

Più giovane, ma ugualmente stimato è Manuel Genswein. Svizzero anch'egli, ingegnere, progettista di apparecchi di ricerca in valanga, instancabile ideatore di metodi e studi per ottimizzare i risultati dell'autosoccorso, è richiesto in tutta Europa per le sue qualità di formatore abile quanto inflessibile.

A questi due illustri docenti si è rivolta la Scuola Centrale di Scialpinismo e la Commissione Nazionale Scuole Alpinismo e Scialpinismo del Club Alpino Italiano per organizzare uno stage di aggiornamento rivolto agli istruttori delle Scuole Centrali del CAI, ai soccorritori di Esercito e Guardia di Finanza, Corpo Forestale e Soccorso Alpino, ai membri del Servizio Valanghe e Aineva. In pratica tutti gli attori che, al massimo livello in Italia, si occupano della materia "neve e valanghe" sui versanti della formazione, della prevenzione e del soccorso.

La caserma della Scuola Soccorso Alpino della Guardia di Finanza di Passo Rolle (TN) ha accolto e ospitato i partecipanti, oltre 60 persone, a conferma dello spirito di collaborazione fattiva che unisce negli ultimi anni corpi dello stato, professionisti e volontari impegnati in questo campo.

Munter e Genswein si sono alternati nello svolgimento di lezioni in aula ed esercitazioni sul terreno, in un tour de force didattico che ha impegnato docenti e allievi per tutta la giornata di sabato 7 e la mattinata di domenica 8 gennaio (con prima lezione antelucana alle 6 del mattino).

Sono emerse novità, spunti, idee, progetti da sviluppare insieme. La crescita numerica dei frequentatori del terreno innevato, fuori dalle piste battute, è un dato incontrovertibile, basti pensare al recente boom dei ciaspolatori.

A questo escursionismo invernale multiforme e non sempre preparato ad affrontare e riconoscere il pericolo, le varie agenzie presenti sul territorio intendono offrire opportunità di formazione, modelli di valutazione del rischio e tecniche di soccorso sempre più efficaci.

Le statistiche indicano che nel periodo 2005- 2010, sull'arco alpino italiano ci sono stati 379 incidenti da valanga con 86 vittime. In questo bilancio, i tagli non sarebbero sgraditi a nessuno.

archiviato sotto: ,
« agosto 2022 »
agosto
lumamegivesado
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031