Tu sei qui: Home Ufficio Stampa Ultime notizie Anno 2015 Marzo Operazione Sturm oil - Otto arresti e decine di perquisizioni in vari paesi europei

 

Operazione Sturm oil - Otto arresti e decine di perquisizioni in vari paesi europei

Video - Roma, 26 marzo 2015 ore 11:53

Controlli video

Loading the player ...

2015

Comando Provinciale Roma

Eseguita, in Italia e in altri cinque Paesi membri dell'Unione Europea (Germania, Regno Unito, Repubblica Ceca, Romania e Malta), una vasta operazione di polizia giudiziaria dai finanzieri del Comando Provinciale di Roma nei confronti di un sodalizio criminale dedito al traffico internazionale di gasolio commercializzato "in nero" sul territorio nazionale.

Otto gli arresti, sei in carcere e due ai domiciliari, di cui uno nel Regno Unito.

Decine le perquisizioni, anche all'estero, dove i militari hanno operato a supporto delle forze di polizia locali.

Le indagini, svolte dal Nucleo di Polizia Tributaria di Roma e coordinate dalla locale Procura della Repubblica, con la preziosa attività di supporto dei membri di Eurojust, hanno consentito di disarticolare un'associazione a delinquere operante tra l'Italia, il Regno Unito, la Repubblica Ceca, la Germania, la Romania e Malta, finalizzata all'importazione nel nostro Paese di ingenti quantitativi di gasolio da autotrazione in completa evasione dell'accisa gravante sul prodotto.

Un vero e proprio fiume di carburante clandestino immesso in circolazione in Italia, dal 2013 ad oggi, per oltre 4.000 tonnellate. Questi i numeri impressionanti della frode scoperta dalle Fiamme Gialle, abilmente realizzata dai 22 indagati con la creazione di società fantasma localizzate a Londra e Praga (intestate a prestanomi locali ma amministrate da cittadini italiani appartenenti all'associazione), l'accensione di conti correnti di comodo a Malta, nella Repubblica Ceca e nel Regno Unito, sui quali sono transitati flussi finanziari connessi all'illecito traffico, la predisposizione di falsa documentazione di scorta del prodotto sulla quale sono state indicate, quali beneficiari, imprese greche e maltesi, che di fatto non hanno mai ricevuto la merce, clandestinamente immessa nel circuito commerciale italiano.

Risultano indagati, allo stato a piede libero, gli acquirenti italiani del gasolio, una rete capillare di soggetti compiacenti, per lo più titolari di imprese di autotrasporto o grossisti del settore, che hanno impiegato direttamente nelle proprie aziende ovvero rivenduto a terzi il carburante "in nero" alterando, in questo modo, anche le regole del mercato e della libera concorrenza, poiché si sono giovati dei prezzi estremamente competitivi di un prodotto "esentasse".

Il lavoro dei finanzieri, complesso e meticoloso, non avrebbe prodotto gli odierni risultati senza la convinta collaborazione delle Autorità giudiziarie di ben 6 Paesi europei coinvolti nell'illecito traffico, efficacemente coordinate da Eurojust che ha gestito, in poco più di un anno, un imponente flusso di dati e informazioni tra i singoli Stati, coordinandone e orientandone le investigazioni sulla scorta delle richieste di approfondimento inoltrate dai Pubblici Ministeri italiani titolari dell'inchiesta.

Il significativo patrimonio informativo così raccolto è stato analizzato dagli investigatori del Nucleo di Polizia Tributaria di Roma e incrociato con i dati già in possesso, permettendo di attribuire ruoli e responsabilità ben precisi a tutti i soggetti complessivamente emersi, dagli organizzatori dell'illecito traffico agli acquirenti finali del prodotto, dagli autisti delle autobotti clandestine ai funzionari di banca compiacenti, per giungere sino agli studi professionali che hanno fornito un apporto determinante per l'ideazione della rete di società e rapporti finanziari strumentali alla commissione della frode.

Stiamo parlando di un'associazione ben radicata in tutti i Paesi europei coinvolti, con cittadini italiani stabilmente domiciliati all'estero per mantenere salda la rete di relazioni criminali, pronta a reagire ed adattare il proprio modus operandi rispetto ai sequestri nel tempo operati dalla Guardia di Finanza delle predette autobotti clandestine, una volta giunte in Italia.

Si è così assistito, sequestro dopo sequestro, alla progressiva sostituzione delle tradizionali autocisterne dedicate al trasporto di merce infiammabile con ordinari autotreni "telonati", al cui interno sono stati stipati decine di cosiddetti cubi, in plastica, ordinariamente destinati al trasporto di acqua e nell'occasione riempiti sino all'orlo con carburante infiammabile, risultato sempre caricato presso depositi tedeschi per poi giungere in Italia ed essere rivenduto "in nero".

Le difficoltà incontrate dai finanzieri nel disarticolare l'organizzazione criminale, nella primissima fase delle indagini, hanno riguardato, altresì, l'esatta identificazione della natura del prodotto petrolifero trasportato, cui i membri del sodalizio hanno aggiunto specifici additivi onde alterare fraudolentemente l'esito di eventuali analisi chimiche speditive condotte sul gasolio, mascherandolo, così, come olio destinato alla lubrificazione anziché quale carburante per l'autotrazione.

In dettaglio, sono state eseguite in Italia, Regno Unito, Germania, Repubblica Ceca, Romania e Malta, 6 ordinanze di custodia cautelare in carcere nonché perquisizioni locali e domiciliari, anche nei Paesi comunitari, nei confronti di tutti gli indagati e delle varie società implicate, con la collaborazione della polizia giudiziaria straniera, coordinata da Eurojust e supportata, anche in territorio estero, da militari del Nucleo di Polizia Tributaria di Roma.

È stato altresì eseguito, sull'intero territorio nazionale nonché nel Regno Unito, Repubblica Ceca e Malta, uno specifico provvedimento di sequestro preventivo finalizzato alla confisca di risorse finanziarie (denaro contante, saldi dei conti correnti personali e aziendali, certificati di deposito, buoni fruttiferi, azioni, obbligazioni e altri beni eventualmente contenuti in cassette di sicurezza), immobili e partecipazioni societarie nella disponibilità degli indagati e delle società agli stessi riconducibili, strumentali alla commissione dell'illecito traffico, con un profitto per l'organizzazione criminale ad oggi quantificato in oltre 5,7 milioni di euro: sequestrate 21 unità immobiliari, quote societarie, gioielli custoditi in una cassetta di sicurezza, saldi di rapporti bancari nonché di polizze vita.

archiviato sotto: ,