Tu sei qui: Home Ufficio Stampa Ultime notizie Anno 2015 Gennaio Lotta al traffico di stupefacenti - Sequestrati beni per oltre un milione di euro

 

Lotta al traffico di stupefacenti - Sequestrati beni per oltre un milione di euro

Video - Roma, 24 gennaio 2015 ore 11:00

Controlli video

Loading the player ...

2015

Comando Provinciale Roma

Dopo due anni di serrate e complesse indagini, dalle prime ore dell'alba, con un'operazione congiunta della Guardia di Finanza e dei Carabinieri di Roma è stata data esecuzione a un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Roma, su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di 14 soggetti, appartenenti a un'organizzazione criminale dedita al narcotraffico, radicata nella città di Roma con basi operative e logistiche nel quartiere di Tor Bella Monaca.

L'operazione si fonda sugli esiti delle indagini esperite nell'ambito di due diversi procedimenti penali portati avanti dalle due forze di polizia e poi riuniti.

Le attività sul gruppo criminale partono nel 2011 quando il Nucleo di Polizia Tributaria di Roma - Gruppo Investigazione Criminalità Organizzata - individua l'esistenza di un'associazione criminale organizzata, dedita al traffico, detenzione e vendita di sostanze stupefacenti del tipo cocaina, hashish e marijuana.

Parallelamente i Carabinieri del Nucleo Investigativo di Frascati, indagando su un'altra filiera di spaccio e attraverso l'escussione di collaboratori di giustizia, sono giunti a individuare la stessa "cupola". In tal modo si è costituita una sinergia investigativa tra le due forze di polizia che ha portato oggi al completo smantellamento del gruppo criminale.

Gli indagati disponevano di considerevoli somme di denaro, funzionali all'acquisto e alla vendita di ingenti quantitativi di stupefacente, potendo contare gli stessi su una rete di connivenze, affidabili e professionali, tali da poter controllare l'attività di spaccio in diversi quartieri capitolini, tra i quali quello popolare di Tor Bella Monaca, noto alle cronache locali come teatro di numerose attività criminali.

Il gruppo era strutturato con una "catena di comando" idonea a curare tutte le fasi del traffico di stupefacenti (soprattutto cocaina), a partire dall'individuazione dei canali di approvvigionamento sino alla distribuzione al dettaglio, passando attraverso le attività di trasferimento e custodia della droga. Organizzazione, tra l'altro, con una considerevole capacità di utilizzo di armi da fuoco come risulta dalle convergenti dichiarazioni dei collaboratori di giustizia, suffragate dalle significative risultanze investigative che hanno fornito inequivoci elementi di riscontro.

Le investigazioni svolte, consistite in plurime indagini tecniche, a cui sono state affiancate le tradizionali attività di osservazione e pedinamento - queste ultime, tra l'altro, rilevatesi particolarmente complesse alla luce dell'elevato tasso di criminalità e delle difficoltà di "penetrazione" che caratterizzano il citato territorio - hanno consentito di acquisire precisi e puntuali elementi investigativi sul conto degli appartenenti al sodalizio criminoso, risultato capeggiato dal romano M.M. (cl. 1978) titolare in un centro estetico in Tor Bella Monaca, con precedenti specifici, arrestato in data odierna.

Quest'ultimo, referente nel citato quartiere capitolino per le attività di narcotraffico, si è avvalso dell'ausilio di ulteriori quattro soggetti, V.A. (cl. 1968) ed il figlio V. (cl. 1990) - entrambi nati a Napoli - il romano M.P. (cl. 1971) e il pugliese L.G. (cl. 1977) , tutti residenti e ben radicati a Tor Bella Monaca, anch'essi arrestati.

In tale contesto, nel corso delle indagini volte a ricostruire l'ambito di operatività dell'associazione criminale, le Fiamme Gialle del G.I.C.O. hanno effettuato - nel tempo - tre distinti interventi repressivi, conclusisi con l'arresto in flagranza di reato di 4 persone e il conseguente sequestro di circa 100 kg. di hashish e mezzo chilo di cocaina, ricostruendo, altresì, a posteriori, transazioni di stupefacente portate a termine dagli indagati per circa 12 kg. di cocaina e 77 kg. di hashish.

Parimenti, i Carabinieri di Frascati hanno effettuato numerosi sequestri di stupefacente, dimostrato l'esistenza di un canale di approvvigionamento campano per un flusso settimanale di ingenti quantità di sostanza stupefacente di ottima qualità che fruttava giornalmente decine di miglia di euro, poi reinvestiti in beni immobili, mobili ed attività commerciali. Per questo motivo agli indagati sono stati sequestrati beni per un valore di oltre un milione di euro, consistenti in:

  • tre appartamenti e un garage nel comune di Roma;
  • un villino nel comune di Montecompatri;
  • un centro estetico;
  • una ferramenta;
  • nove autovetture;
  • quattro motocicli;
  • trentanove conti correnti bancari e postali.

Decine di perquisizioni, anche nei confronti di soggetti non colpiti dall'ordinanza di custodia cautelare, hanno consentito altresì di porre sotto sequestro:

  • € 31.370,00;
  • n. 40 dosi di cocaina;
  • n. 6 orologi di lusso (tra cui Rolex, Cartier e Patek Philippe).

Un ulteriore soggetto è stato poi arrestato dai Carabinieri in flagranza di reato per il reato di cui all'art. 73 DPR 309/90 ("Produzione, traffico e detenzione illeciti di sostanze stupefacenti o psicotrope").

L'operazione ha interessato oltre centocinquanta tra Carabinieri e Fiamme Gialle con l'ausilio dei cinofili e di un elicottero dell'Arma.

archiviato sotto: ,