Tu sei qui: Home Ufficio Stampa Ultime notizie Anno 2015 Febbraio Lotta al crimine organizzato - Sequestrati beni per un valore di 10 milioni di euro

 

Lotta al crimine organizzato - Sequestrati beni per un valore di 10 milioni di euro

Palermo, 6 febbraio 2015 ore 8:51

Comando Provinciale Palermo

Un'attività svolta congiuntamente dal Nucleo Investigativo dei Carabinieri e dal G.I.C.O. della Guardia di Finanza di Palermo ha portato al sequestro, ai sensi della normativa antimafia, di un ingente patrimonio, costituito da numerosi complessi aziendali, quote di società, beni immobili (terreni, appartamenti e magazzini), autoveicoli, nonchè disponibilità finanziarie (conti correnti, depositi a risparmio, polizze assicurative), per un valore complessivo di circa 10 milioni di euro, in esecuzione di un provvedimento emesso dal Tribunale di Palermo - Sezione Misure di prevenzione su richiesta della locale Procura della Repubblica.

Il sequestro, finalizzato alla confisca, è stato eseguito nei confronti di:

  • D. M., nato a Palermo il 12.08.1965 (in atto detenuto, tratto in arresto, con la moglie S. R. e il figlio D. G. il 4 aprile 2014, nell'operazione denominata "BUCATINO");
  • S. L., nato a Palermo il 07.02.1947 (in atto libero, già condannato con sentenza irrevocabile per il reato di associazione mafiosa ed estorsione aggravata a 9 anni di reclusione).

S. L., già sottoposto nel 1985 e, più di recente, nel 2010, alla misura della Sorveglianza Speciale di P.S., secondo il dispositivo emesso dal Tribunale di Palermo, è soggetto ritenuto "contiguo" alle famiglie mafiose di Palermo Centro e Porta Nuova. Dallo sviluppo delle recenti indagini svolte dai Carabinieri fino al 2014, lo stesso sarebbe avvicinato da esponenti del sodalizio mafioso per reperire fondi da investire successivamente per finanziare un traffico di stupefacenti.

D. M. - genero del S. - risulta invece accusato di varie condotte estorsive, unite a plurime minacce, perpetrate con altri soggetti ed aggravate dal metodo mafioso, ai danni di imprenditori della provincia palermitana, ai quali veniva richiesta la c.d. "messa a posto" per lo svolgimento delle loro attività.

Quanto alla misura di prevenzione patrimoniale, la complessa attività investigativa, svolta attraverso minuziosi accertamenti documentali e riscontri sui beni sospettati di essere nella effettiva disponibilità dei predetti, legati tra l'altro da rapporto di parentela (D. M. è genero di S. L., per averne sposato la figlia R.), ha consentito di individuare un ingente patrimonio illecitamente accumulato in diversi anni di malaffare.

Note aziende operanti nel salotto di Palermo, ville, appartamenti, auto, terreni e conti correnti sono stati passati al setaccio dagli investigatori e, alla luce della evidente sproporzione tra il loro valore e i redditi dichiarati, sottoposti a sequestro.

In particolare, il Tribunale di Palermo, oltre a quanto già emerso dalle indagini di polizia giudiziaria, ha infatti ritenuto che i beni oggetto di sequestro siano ingiustificati rispetto alle disponibilità accertate dei proposti, atteso che gli investimenti economici non sarebbero stati finanziati da redditi fiscalmente dichiarati dai rispettivi nuclei familiari. In tale senso, i predetti beni sono stati ritenuti frutto o reimpiego di guadagni provenienti da attività illecite.

Tra i cespiti sottratti alla disponibilità, si evidenziano:

  • due ristoranti di Villafranca, luogo di importanti incontri tra boss mafiosi della Provincia;
  • un bar / tabacchi;
  • un locale (sequestrata quota pari al 60%)