Tu sei qui: Home Servizi per il cittadino Consigli utili La Carta doganale del viaggiatore

La Carta doganale del viaggiatore

Spazio dedicato ad una guida che raccoglie le principali disposizioni doganali

La Carta doganale del viaggiatore è un prontuario sintetico e di facile consultazione da portare con sé durante i viaggi di piacere e di lavoro che raccoglie le principali disposizioni doganali.

Pubblicata dall'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, la Carta disciplina sia i viaggi da e verso i Paesi extracomunitari sia quelli nell'ambito dell'Unione europea. Per questi ultimi, a seguito dell'entrata in vigore delle norme comunitarie che hanno previsto la creazione di uno spazio unico di libero scambio per persone, merci e capitali, non sussistono particolari limitazioni o formalità, ad eccezione di alcune categorie di prodotti come:

  • tabacchi lavorati, alcol e bevande alcoliche per i quali sono previste delle soglie.
  • mezzi di trasporto nuovi, per i quali è obbligatorio il pagamento dell'IVA nello Stato di destinazione;
  • beni culturali, per i quali è necessaria la documentazione che attesti la provenienza del bene;
  • animali di compagnia, che devono essere dotati di uno specifico passaporto rilasciato da un veterinario autorizzato dalle Autorità sanitarie competenti del Paese di provenienza.

È inoltre necessario compilare una dichiarazione, da sottoscrivere e depositare presso gli uffici doganali, quando si trasportano valuta e titoli al seguito, sia in ingresso sia in uscita dal territorio italiano, di importo pari o superiore a 10.000 euro.

Diversamente è disposto, invece, per i viaggiatori che transitano in paesi non aderenti al trattato dell’Unione europea, per i quali sussistono diverse limitazioni. La Carta fornisce utili indicazioni anche per l'importazione ed esportazione di armi e beni culturali.

Quando si viaggia con videocamere e/o personal computer di elevato valore è conveniente portare la documentazione di possesso (ricevuta di acquisto o certificato di garanzia delle apparecchiature o bolletta d'importazione) in modo da poter dimostrare, in caso di controllo doganale, che i beni sono stati regolarmente acquistati o importati in Italia. In mancanza di tali documenti è consigliabile, al momento della partenza, recarsi presso gli uffici doganali dei porti o degli aeroporti per fare una dichiarazione di possesso da esibire al rientro in Italia.

I viaggiatori devono inoltre prestare attenzione alle disposizioni della Convenzione di Washington (cosiddetta CITES) che tutela le specie di fauna e di flora in via di estinzione. I viaggiatori che volessero importare o esportare animali, piante o prodotti derivati rientranti tra le “specie protette” dalla predetta Convenzione devono infatti portare al seguito la relativa documentazione CITES.

In Italia l’autorità competente a effettuare i controlli doganali in materia è la Guardia di Finanza mentre l’autorità di gestione è il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare; per ulteriori informazioni in merito al rilascio delle licenze e dei certificati richiesti dalla disciplina CITES è possibile rivolgersi al Ministero dello Sviluppo Economico e al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, che per tali finalità si avvale dell’Arma dei Carabinieri.

La Carta è consultabile all'indirizzo Internet:

https://www.agenziadoganemonopoli.gov.it/portale/dogane/cittadino