Tu sei qui: Home Servizi per il cittadino Consigli utili Congegni da divertimento ed intrattenimento

Congegni da divertimento ed intrattenimento

La Guardia di Finanza, al fine di tutelare il monopolio statale dei giochi si adopera per contrastare il fenomeno del gioco clandestino e irregolare.

Per effetto delle disposizioni susseguitesi nel corso degli anni, il comparto è oggi caratterizzato dalla presenza di due tipologie di apparecchi e congegni destinati al gioco lecito e, in particolare, dalle:

  • AWP (Amusement with prize), cc. dd. "NewSlot2";
  • VLT (Video Lottery Terminai), cc. dd. "Videolottery".

Le "NewSlot2" sono caratterizzate dalla presenza dei seguenti elementi:

  • attestato di conformità, rilasciato dal competente Ufficio Regionale dell'A.A. M. S.;
  • collegamento alla rete telematica di proprietà della stessa A.A.M.S.;
  • attivazione mediante introduzione di moneta metallica, ovvero con appositi strumenti di pagamento elettronico;
  • presenza, congiuntamente all'elemento aleatorio, di elementi di abilità, che consentono al giocatore la possibilità di scegliere, all'avvio o nel corso della partita, la propria strategia, selezionando appositamente le opzioni di gara ritenute più favorevoli, tra quelle proposte dal gioco;
  • costo della partita non superiore a 1 euro;
  • durata minima della partita superiore a quattro secondi;
  • distribuzione diretta di vincite in denaro, ciascuna comunque di valore non superiore a 100 euro;
  • vincite, computate dall'apparecchio in modo non predeterminabile su un ciclo complessivo di non più di 140. 000 partite, non inferiori al 75% delle somme giocate;
  • divieto di riprodurre il gioco del poker o comunque le sue regole fondamentali.

Le VL T sono collegate al sistema di elaborazione della rete A.A.M.S. Il software di gioco non è presente all'interno del cabinet della macchina, ma è installato sulla rete telematica, gestita dall'Amministrazione dei Monopoli, tramite i soggetti autorizzati.

Devono possedere le seguenti caratteristiche:

  • il costo massimo della singola partita, ai sensi dell'art. 6 del citato decreto, deve essere pari a euro 10, con una posta minima di gioco di 50 centesimi; il pagamento può avvenire tramite:
    • monete e/o banconote;
    • tecnologie basate su sistemi di ticket;
    • carte prepagate;
    • conti di gioco nominativi utilizzabili attraverso smart card;
    • la ricollocazione in gioco dei crediti precedentemente vinti.

La percentuale delle somme giocate destinate alle vincite non può essere inferiore all'85%, avuto riguardo sia al istema di gioco nel suo complesso che ad ogni singolo gioco.

L'importo massimo del jackpot relativo a ciascuna sala è pari a 100.000 euro, mentre l'importo massimo del jackpot relativo a ciascun sistema di gioco è pari a 500.000 euro.