Tu sei qui: Home Servizi per il cittadino Consigli utili Congegni da divertimento ed intrattenimento

Congegni da divertimento ed intrattenimento

La Guardia di Finanza, al fine di tutelare il monopolio statale dei giochi e i consumatori da proposte di gioco illegali, insicure e prive di alcuna garanzia, si adopera per contrastare il fenomeno del gioco clandestino e irregolare.

Per effetto delle disposizioni susseguitesi nel corso degli anni, sono presenti due tipologie di apparecchi e congegni destinati al gioco lecito e, in particolare, dalle:

  • A.W.P. (Amusement with prize), cc. dd. "NewSlot2";
  • V.L.T. (Video Lottery Terminal), cc. dd. "Videolottery".

Le "NewSlot2" sono caratterizzate dalla presenza dei seguenti elementi:

  • attestato di conformità e nullaosta di distribuzione, rilasciato dal competente Ufficio dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli;
  • collegamento alla rete telematica di proprietà della stessa Agenzia delle Dogane e dei Monopoli;
  • attivazione mediante introduzione di moneta metallica, ovvero con appositi strumenti di pagamento elettronico;
  • presenza, congiuntamente al profilo aleatorio, di elementi di abilità, che consentono al giocatore la possibilità di scegliere, all'avvio o nel corso della partita, la propria strategia, selezionando appositamente le opzioni di gara ritenute più favorevoli tra quelle proposte dal gioco;
  • costo della partita non superiore a 1 euro;
  • durata minima della partita superiore a quattro secondi;
  • distribuzione diretta di vincite in denaro, ciascuna comunque di valore non superiore a 100 euro;
  • vincite computate dall'apparecchio in modo non predeterminabile su un ciclo complessivo di non più di 140.000 partite, non inferiori al 70% delle somme giocate;
  • divieto di riprodurre il gioco del poker o comunque le sue regole fondamentali.

Le V.L.T., invece, sono collegate al sistema di elaborazione della rete dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e il software di gioco non è presente all'interno del cabinet della macchina, ma è installato sulla rete telematica, gestita dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli tramite i soggetti autorizzati.

Il costo massimo della singola partita deve essere pari a euro 10, con una posta minima di gioco di 10 centesimi; il pagamento può avvenire tramite:

  • monete e banconote; • denaro disponibile su conti di gioco nominativi;
  • denaro disponibile su carte prepagate nominative, non bancarie e non riconducibili ad alcun circuito di pagamento, ma esclusivamente finalizzate al gioco;
  • ticket non ancora validati, riportanti un valore nominale in euro ed emessi da un sistema di gioco in esercizio sul territorio nazionale;
  • denaro risultante da vincite non ancora erogate dall’apparecchio videoterminale.

La percentuale delle somme giocate destinate alle vincite non può essere inferiore all'85%, avuto riguardo sia al sistema di gioco nel suo complesso sia ad ogni singolo gioco.

L'importo massimo della singola vincita non può essere superiore a 5.000 euro, del jackpot relativo a ciascuna sala è pari a 100.000 euro, mentre l'importo massimo del jackpot relativo a ciascun sistema di gioco è pari a 500.000 euro.

La vincita ottenuta non può essere erogata direttamente in danaro, ma tramite i seguenti canali:

  • accredito in euro su conti di gioco nominativi;
  • accredito su carte prepagate nominative, non bancarie e non riconducibili ad alcun circuito di pagamento ma esclusivamente finalizzate al gioco;
  • ticket emessi dal sistema di gioco, riportanti un valore nominale in euro.