Tu sei qui: Home Chi siamo Storia del Corpo I Comandanti in Seconda Plinio Pradetto

Plinio Pradetto

Comandante in Seconda dal 16 febbraio 1967 al 22 novembre 1967
Plinio Pradetto

Il 21° Comandante in Seconda della Guardia di Finanza, Generale di Divisione Plinio Pradetto, è nato a S.Pietro di Cadore (BL).

Biografia

Il 21° Comandante in Seconda della Guardia di Finanza, Generale di Divisione Plinio Pradetto, è nato a S.Pietro di Cadore (BL).

Da tenente prestò servizio in Lombardia quale comandante della Tenenza di Chiavenna. Egli fu anche ufficiale istruttore nella Scuola Alpina di Predazzo ed insegnante nell'Accademia di Fanteria e Cavalleria di Modena.

Da capitano comandò per vari anni la Compagnia di Cuneo. Partecipò alla guerra 1940-1943 ed alla lotta di liberazione, al comando del V Battaglione Guardia di Finanza, in Balcania del Battaglione Speciale "R" in territorio nazionale, guadagnando una ricompensa al valor militare.

Nel difficile periodo immediatamente successivo alla liberazione, venne preposto all'importante Nucleo di Polizia Tributaria di Roma; da tenente colonnello fu destinato al Comando Generale del Corpo, prima come Capo reparto, poi come Sottocapo di Stato Maggiore.

Promosso colonnello, fu nominato comandante dell'Accademia, in seguito, venne nuovamente chiamato al Comando Generale, quale Capo di Stato Maggiore, rimanendovi per oltre quattro anni.

Da Generale di Brigata ha tenuto il comando della Zona Medio Tirrenica; da Generale di Divisione ha retto l'Ispettorato dell'Italia Settentrionale e quello dell'Italia Centro- Meridionale.

E' membro eletto del Consiglio Generale della Magnifica Comunità di Cadore, antica benemerita istituzione depositaria delle gloriose tradizioni patriottiche delle genti cadorine ; é cittadino onorario della città di Boves, culla della resistenza italiana.

E' decorato di una croce al valor militare, di tre croci al merito di guerra, della medaglia di benemerenza dei volontari di guerra e di quella dei volontari della libertà. Gli é stata, altresì, conferita la medaglia Mauriziana ed é insignito di numerose onorificenze cavalleresche italiane ed estere. Per le sue benemerenze nell'organizzazione
del servizio aereo della Guardia di Finanza e per la sua intensa partecipazione all'attività operativa di volo, gli é stato conferito il brevetto di "osservatore dell'aeroplano" ad homorem.