Tu sei qui: Home Chi siamo Storia del Corpo I Comandanti in Seconda Michele Adinolfi

Michele Adinolfi

Comandante in Seconda dal 7 luglio 2015 al 30 dicembre 2015
Michele Adinolfi

Generale di Corpo d'Armata Michele Adinolfi

Il Generale di Corpo d'Armata Michele Adinolfi è nato il 1° dicembre 1952 ad Afragola (NA).
Ammesso a frequentare l'Accademia della Guardia di Finanza nel 1972, è stato nominato Sottotenente il 24 settembre 1974. Dopo i primi avanzamenti ad anzianità nei gradi di Tenente (1976) e Capitano (1981), è stato promosso a scelta: Maggiore nel 1988, Colonnello nel 1998, Generale di Brigata nel 2003, Generale di Divisione nel 2007 e Generale di Corpo d'Armata nel 2011.

Biografia

Il Generale di Corpo d'Armata Michele Adinolfi è nato il 1° dicembre 1952 ad Afragola (NA). E' coniugato ed ha due figli.

Ammesso a frequentare l'Accademia della Guardia di Finanza nel 1972, è stato nominato Sottotenente il 24 settembre 1974. Dopo i primi avanzamenti ad anzianità nei gradi di Tenente (1976) e Capitano (1981), è stato promosso a scelta: Maggiore nel 1988, Colonnello nel 1998, Generale di Brigata nel 2003, Generale di Divisione nel 2007 e Generale di Corpo d'Armata nel 2011.

Nel corso della sua carriera, ha ricoperto incarichi di primissimo piano in tutti i settori che caratterizzano l'attività della Guardia di Finanza.

Inizia la sua carriera presso la Tenenza di Crotone; nel grado di Capitano ha comandato la Compagnia di Monza. Successivamente, è stato Capo Centro del IV Reparto del Comando Generale, Comandante del V Gruppo Roma e Capo Ufficio Relazioni Esterne del Comando Generale.

Nel grado di Tenente Colonnello, è stato Comandante del III Gruppo di Sezioni del Nucleo Centrale di Polizia Tributaria.

Da Colonnello, è stato Comandante Provinciale di Catania e, successivamente, Comandante del Nucleo Speciale Investigativo di Roma.

Promosso a Generale di Brigata, è stato Comandante Regionale Veneto. Nello stesso grado, ha ricoperto l'incarico di Capo del I Reparto del Comando Generale (Personale).

Da Generale di Divisione, è stato dapprima Comandante Regionale Lazio e, poi, Capo di Stato Maggiore del Comando Generale.

Nel grado vertice è stato Comandante Interregionale dell'Italia Centro Settentrionale della Guardia di Finanza di Firenze, con competenza sulle Regioni Toscana, Emilia Romagna e Marche.

Prima di assumere la carica di Comandante in Seconda, è stato Comandante Aeronavale Centrale della Guardia di Finanza, Reparto con competenze nazionali ed internazionali del comparto aeronavale di proiezione.

Laureato in Giurisprudenza presso l'Università di Milano, in Economia e Commercio presso l'Università di Cassino, in Scienze Politiche presso l'Università di Catania e Scienze della Sicurezza Economica Finanziaria presso l'Università di Roma "Tor Vergata".

Ha frequentato il biennio di formazione presso la Scuola di Polizia Tributaria, acquisendo il relativo titolo.

E' iscritto nel registro dei Revisori Legali ed ha conseguito, presso l'Università "L. Bocconi" di Milano, il Master di secondo Livello in Diritto Tributario dell'Impresa.

Nel corso della sua carriera, ha tra l'altro collaborato con l'Alto Commissario per la lotta alla criminalità organizzata ed è stato consulente esterno della Commissione Parlamentare Antimafia.

Ha svolto pluriennale attività di insegnamento a livello centralizzato e periferico.

E' altresì coautore di numerose pubblicazioni nel settore fiscale.

E' stato membro dei Consigli di Rappresentanza Militare. Nel Consiglio Centrale ha espletato l'intero mandato con la carica di Vicepresidente.

Grande Ufficiale dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana, si fregia della Croce d'Oro al Merito della Guardia di Finanza, conferita dal Presidente della Repubblica.

E' altresì insignito della Croce d'Oro per anzianità di servizio, della Medaglia Militare d'Oro al Merito di lungo comando di reparto, della Medaglia Mauriziana al Merito di dieci lustri di carriera militare, della Medaglia d'Argento al Merito della Croce Rossa Italiana, della Croce di Ufficiale con spade dell'Ordine al Merito Melitense e della Medaglia d'Argento al Merito dell'Ambiente.