Tu sei qui: Home Chi siamo Storia del Corpo I Comandanti in Seconda Luigi Sartori

Luigi Sartori

Comandante in Seconda dal 16 agosto 1906 al 24 dicembre 1909
Luigi Sartori

Il 1° Comandante in Seconda della Guardia di Finanza, Colonnello Luigi Sartori, nasce a Padova il 25 dicembre del 1847.

Biografia

Il 1° Comandante in Seconda della Guardia di Finanza, Colonnello Luigi Sartori, nasce a Padova il 25 dicembre del 1847.

Arruolatosi il 25 luglio 1865 come "Guardia comune" nel Corpo delle Guardie di Finanza austriache, passa in seguito nel Corpo delle Guardie Doganali italiane, acquisendo il 1° aprile 1867 il grado di Sottobrigadiere.

E' promosso il 1° dicembre 1869 al grado di Brigadiere e nel marzo del 1875 Sottotenente, nel settembre del 1876 è nominato Reggente Sottoispettore delle Gabelle e nel dicembre del 1878 è promosso Sottoispettore ed incaricato della reggenza dell'Ispezione di Terranova in Sicilia.

Nel 1881, le Guardie Doganali, prendono il nome dell'attuale Guardia di Finanza, e il Colonnello Sartori acquisisce il grado di Sottoispettore.
Successivamente percorre la carriera con le seguenti promozioni: nel settembre del 1882 Ispettore di III classe, nel febbraio 1886 Ispettore di II classe, nell'ottobre 1891 Ispettore Divisionale di II classe, nell'agosto 1894 Ispettore Divisionale di I classe e nel dicembre dello stesso anno Ispettore Superiore di II classe, nel 1904 è promosso Ispettore Superiore di I classe.

Il 16 agosto 1906, con l'ordinamento militare autonomo assunto dal Corpo e la creazione del Comando Generale, è nominato Colonnello della Regia Guardia di Finanza assumendone la funzione di Comandante in Seconda.

Nel corso della carriera oltre gli uffici già menzionati dirige quelli di: Pontecorvo, Messina, Pozzallo, Paola, Varese e Menaggio.

Il Colonnello Sartori è insignito dei seguenti titoli ed onorificenze: Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia, Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro, Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia, Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia e Ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro.