Tu sei qui: Home Chi siamo Storia del Corpo I Comandanti in Seconda Luigi Caliò Marincola

Luigi Caliò Marincola

Comandante in Seconda dall'11 aprile 1970 al 10 febbraio 1971
Luigi Caliò Marincola

Il 23° Comandante in Seconda della Guardia di Finanza, Generale di Divisione Luigi Caliò Marincola, è nato a Catanzaro il 10 febbraio 1907.

Biografia

Il 23° Comandante in Seconda della Guardia di Finanza, Generale di Divisione Luigi Caliò Marincola, è nato a Catanzaro il 10 febbraio 1907.

Ammesso all'Accademia della Guardia di Finanza nel 1925, ne usciva il 5 luglio 1928 col grado di Sottotenente.

Promosso tenente nel 1930 e Capitano a scelta speciale nel 1938, combattente volontario nel 1940 e nel 1941 sul fronte albanese con il primo battaglione mobilitato della Guardia di Finanza, assolveva per due anni (1942 e 1943) le funzioni di ufficiale addetto al Comando Supremo.

Conseguiva la promozione ad ufficiale superiore nel 1948, ricoprendo, nei gradi di Maggiore e di Tenente Colonnello, le cariche di comandante dei Circoli di Trento e di Firenze e di comandante del Nucleo di polizia tributaria di Firenze.

Promosso al grado di Colonnello il 1° febbraio 1959, dopo aver tenuto per alcuni mesi il comando della Legione di Cagliari, veniva destinato al comando di quella di Ancona, in un periodo particolarmente delicato sia per gli esperimenti ordinativi allora in corso, sia per la recrudescenza del contrabbando.

Promosso Generale di Brigata nell'ottobre del 1963, assumeva il comando della Zona di Venezia e, successivamente, di quella di Bologna.

Da Generale di Divisione ha retto l'Ispettorato per l'Italia Centro-Meridionale.
E' ferito di guerra ed è insignito di due croci al merito di guerra, della Medaglia Mauriziana al merito di dieci lustri di carriera militare, di medaglia d'oro al merito di lungo comando e della medaglia di bronzo di benemerenza della Pubblica Finanza.

E' Commendatore dell'Ordine al merito della Repubblica, Donato di prima classe del Sovrano Militare Ordine di Malta e Commendatore dell'Ordine del Santo Sepolcro.