Tu sei qui: Home Chi siamo Storia del Corpo I Comandanti in Seconda Giovanni Dal Negro

Giovanni Dal Negro

Comandante in Seconda dal 27 maggio 1960 al 31 luglio 1961
Giovanni Dal Negro

Il 15° Comandante in Seconda della Guardia di Finanza, Generale di Divisione Giovanni Dal Negro, nato a Verona il 1° giugno 1897, fu nominato sottotenente nel 1918 ed assegnato al glorioso XI Btg. mobilitato diede subito chiara prova di eminente capacità di comando e di spiccate qualità militari.

Biografia

Il 15° Comandante in Seconda della Guardia di Finanza, Generale di Divisione Giovanni Dal Negro, nato a Verona il 1° giugno 1897, fu nominato sottotenente nel 1918 ed assegnato al glorioso XI Btg. mobilitato diede subito chiara prova di eminente capacità di comando e di spiccate qualità militari.

Promosso capitano e successivamente maggiore a scelta speciale, si distinse al comando di reparti d'istruzione, che lo videro Maestro, non solo di alto sapere ma soprattutto di inestimabile virtù.

Merita particolare cenno il periodo di Comando espletato presso la Scuola Alpina di Predazzo, dove portò l'Istituto ad un alto livello di efficienza addestrativa ed agonistica.

Destinato nel corso del secondo conflitto mondiale, con il grado di tenente colonnello, all'incarico di vice comandante della Guardia di Finanza d'Albania profuse, nell'arduo compito, ogni migliore energia, meritandosi la croce al V.M. sul campo che, con la spendida motivazione attesta degnamente le doti di ardimento e perizia.

Promosso colonnello e assegnato al Comando della Legione di Udine, fu, come sempre, esempio di virtù.
Nell'immediato dopoguerra fu destinato al comando della Legione di Torino al cui riassetto contribuì notevolmente, fra ristrettezze gravi di mezzi ed imponenza di compiti, superando innumerevoli difficoltà con felici soluzioni dettate dalla sua esperienza e sicura conoscenza delle esigenze del Corpo.

Le sue elette qualità di organizzatore e di animatore trovarono, poi, ulteriore conferma nella appassionata attività svolta, da generale di brigata, nel comando della Zona di Napoli, che resse per sette anni con grande prestigio.

Promosso Generale di Divisione, disimpegnò, quale Ispettore per l'Italia Centro- Meridionale, incarichi di grande rilievo, riscuotendo piena unanimità di consensi.
Nominato, successivamente, Comandante in Seconda del Corpo, ha assolto l'altissimo mandato con impeccabile stile, con appassionato fervore e con sereno equilibrio di valutazione.

E' stato decorato di una croce al V.M. e di una croce al merito di guerra.
E' Commendatore dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana, è stato insignito della medaglia Mauriziana al merito di dieci lustri di carriera militare, della medaglia d'oro al merito di lungo comando, della croce d'oro al merito di servizio.