Tu sei qui: Home Chi siamo Organizzazione Compiti istituzionali Lotta al crimine organizzato

Lotta al crimine organizzato

La Guardia di Finanza è coinvolta a pieno titolo nella lotta alla criminalità organizzata, soprattutto nel disvelamento delle operazioni di riciclaggio e nel contrasto delle attività imprenditoriali e professionali attraverso le quali le organizzazioni criminali reimpiegano i capitali illecitamente accumulati e si mimetizzano nella società civile e nell'economia legale.

La strategia del Corpo si fonda sulla sistematica aggressione dei sodalizi sul versante patrimoniale, ponendo in essere le indagini necessarie per pervenire al sequestro ed alla confisca dei proventi e dei beni ottenuti dalle attività delittuose, nonché delle aziende finanziate con capitali mafiosi.

Si tratta di accertamenti decisamente complessi ed articolati, in linea con i compiti attribuiti al Corpo e con la professionalità e l'esperienza maturata nel ruolo di polizia economico finanziaria.

Le attività investigative richiedono, infatti, tra l'altro, l'esame della documentazione amministrativo - contabile, la ricostruzione dei flussi finanziari e la verifica della congruità della situazione patrimoniale effettiva con quella reddituale dichiarata.

E' proprio grazie a tali investigazioni che è possibile scovare patrimoni illeciti accumulati nel tempo e contemporaneamente sfruttare anche i poteri di polizia tributaria per agire sul fronte fiscale alfine del recupero delle somme sottratte all'Erario.

Particolare attenzione è rivolta al superamento delle finzioni giuridiche realizzate attraverso prestanome e società schermo, nonché all'individuazione degli imprenditori "subordinati" o "collusi" rispetto al potere mafioso.