Tu sei qui: Home Chi siamo Organizzazione Compiti istituzionali La collaborazione internazionale

La collaborazione internazionale

CollaborazioneInternazionaleLa Guardia di Finanza attribuisce fondamentale importanza alla collaborazione internazionale resa indispensabile dall'esigenza di contrastare in maniera sempre più efficace il crimine specie nel campo finanziario, ove il crescente interesse delle organizzazioni criminali mira ad individuare all'estero nuove e più "convenienti" aree di investimento.

In tal senso la Guardia di Finanza, attraverso il Comando Generale, ha da tempo attivato rapporti di collaborazione con organismi collaterali esteri in ambito europeo.

Esso mantiene e sviluppa tutti i rapporti internazionali che il Corpo instaura con Enti, Organi di Polizia, Amministrazioni Doganali e Finanziarie, nonché con Agenzie di altri Paesi, ivi compresi i Servizi della Unione Europea, e con gli Organi centrali di Polizia nazionali con competenze estere.

Il Corpo partecipa ai lavori delle principali organizzazioni deputate al contrasto degli illeciti su scala internazionale, quali l'Europol, O.I.P.C. - Interpol, l'Organizzazione Mondiale delle Dogane (O.M.D.) ed i Servizi della Commissione Europea, in particolare, l'Ufficio Europeo per la Lotta Antifrode (O.L.A.F.).

Grazie al recente riordino dei compiti della Guardia di Finanza, attuato con il Decreto Legislativo nr. 68 del 19 marzo 2001, il Corpo può destinare proprio personale presso rappresentanze diplomatiche, uffici consolari e sedi istituzionali competenti in materia in ambito internazionale ed europeo per perseguire le violazioni in materia economica e finanziaria perpetuate a danno del Bilancio dello Stato e dell'Unione Europea.

Controllo Fiscale e Doganale in Europa

Olaf: sito dell'ufficio europeo per la lotta Anti-Frode