Tu sei qui: Home Amministrazione Trasparente Altri contenuti Accesso generalizzato

Accesso generalizzato

Dati aggiornati al 16 gennaio 2017

L’art. 5, comma 2, del decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33, disciplina l’istituto dell’accesso generalizzato, introdotto dal decreto legislativo 25 maggio 2016, n. 97.

L’accesso generalizzato non è sottoposto a limitazioni quanto alla legittimazione soggettiva del richiedente, l’istanza non richiede motivazione ed è gratuita.

L’istanza di accesso deve indicare i dati, le informazioni o i documenti richiesti e può essere alternativamente indirizzata:

  • al Comando, Reparto o Ufficio della Guardia di Finanza che detiene i dati, le informazioni o i documenti (articolo 5, comma 3, lettera a, del d.lgs. n. 33/2013) mediante un messaggio di posta elettronica ovvero una richiesta scritta a mezzo posta (per conoscere gli indirizzi cliccare qui);

  • all’Ufficio Centrale Relazioni con il Pubblico del Comando Generale della Guardia di Finanza (articolo 5, comma 3, lettera b, del d.lgs. n. 33/2013) a mezzo:

  1. un messaggio di posta elettronica alla casella urp@gdf.it ovvero urp@pec.gdf.it;
  2. una richiesta scritta a mezzo posta al seguente indirizzo:

 

Comando Generale della Guardia di Finanza
V Reparto - Ufficio Centrale Relazioni con il Pubblico e Comunicazione Interna
Viale XXI Aprile, 51
00162 Roma.

 

Potrà essere utilizzato il modello (formato .pdf - formato .odt) appositamente realizzato.

Il procedimento di accesso generalizzato deve concludersi con provvedimento espresso e motivato nel termine di trenta giorni dalla presentazione dell’istanza, con la comunicazione al richiedente e agli eventuali controinteressati.

Nei casi di diniego totale o parziale dell’accesso o di mancata risposta entro il suddetto termine, l’interessato può presentare richiesta di riesame indirizzata al:

Generale di Divisione Giuseppe Zafarana
Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza
Comando Generale della Guardia di Finanza
Viale XXI Aprile, 51
00162 Roma.

Avverso la decisione del competente Comando, Reparto o Ufficio o, in caso di richiesta di riesame, avverso quella del Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza, il richiedente può proporre ricorso, nel termine di 30 giorni, al competente Tribunale amministrativo regionale ai sensi dell’articolo 116 del Codice del processo amministrativo di cui al d.lgs. 2 luglio 2010, n. 104.

Recapito telefonico:

numero verde 800.66.96.66, attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 09:00 alle 14:00.

Il predetto recapito non può essere utilizzato per presentare denunce.

Per le segnalazioni concernenti i settori di competenza operativa della Guardia di Finanza è attivo, 24 ore su 24, il numero di pubblica utilità “117”.